Lassù “qualcuno” non ci ama

Angelo Forgione – Quando ho appreso la notizia del furto in casa del calciatore Lamela al Torrino di Roma, che per me non è notizia perchè capita spesso, dappertutto e non solo in Italia, ho atteso e temporeggiato. Ho voluto vedere a che punto di coscienza siamo arrivati noi e a che punto di malafede sono arrivati gli altri. Bene è che la consapevolezza dei napoletani sia lievitata e lo si capisce dai tanti siti e blog anche autorevoli che si sono domandati perchè se succede a Cavani piuttosto che ad Aronica si riempiano telegiornali e notiziari sportivi di ogni tipo come non accade per un Lamela di turno. La malafede della stampa nazionale invece è sempre la stessa.
Non è che Lamela non sia Cavani, e non lo è per nostra fortuna; è che persino la frantumazione del finestrino dell’autovettura della moglie di Fideleff fa fracasso come neanche le urla strozzate di Serse Cosmi e famiglia imbavagliati e tenuti in ostaggio in uno stanzino mentre i rapinatori gli svaligiano la villa di Perugia, perchè magari i media si auto-imbavagliano in segno di solidarietà al mister.
Ora… sono passati due giorni dal fatto, e a noi piace tanto fare spudoratamente le vittime se così a qualcuno pare. Perchè è così che evidenziamo i guasti dell’informazione e perchè sappiamo che se quel qualcuno ci attende sempre al varco è perchè, lasciando stare la nostra feccia che non esitiamo a condannare, teme fortemente Napoli. Nel calcio come in tutto il resto. E scusate se è poco!
Diciamocela tutta, quel qualcuno ha fatto bene a non enfatizzare il raid a casa Lamela. Ma al prossimo massacro mediatico con Napoli nel mirino avremo una ragione in più per sentirci superiori. Non che lo siamo, ma quel qualcuno fa proprio di tutto perchè ce ne si debba convincere.

5 pensieri su “Lassù “qualcuno” non ci ama

  1. Angelo, il problema è che i furti a Parigi ai danni della moglie di Ibra, a Milano ed a Roma sono opera di napoletani, di rom o di magrebini. Non di Milanesi, romani o parigini, vedi trasfertisti napoletani.

  2. Ciao Angelo, volevo segnalarti quanto segue, (buona lettura).

    Cosa ci ha guadagnato il sud nellunificazione dItalia? Lunificazione, nel sud dellItalia sommariamente ha generato; Miseria, emigrazione e delinquenza. Labbandono del sud a se stesso, utilizzato per sviluppare il benessere del nord. Si potrebbero scrivere pagine e pagine di ci che si doveva fare e di non fare. Il disegno dellunificazione mirava ad altri obiettivi, i suoi o lori obiettivi e non gli interessi dellinsieme nazionale . stato, ed un crescendo ingiustificabile di danni a discapito della popolazione del sud che nei 150 anni di unificazione non si cessato di praticarlo. Voglio citare solo un esempio, che a molti sconosciuto. LItalia stata uno dei sei i paesi fondatori dellUnione Europea con Benelux, Francia e Germania. Nel lontano 1950 quando si cre la CECA (Comunit Europea dellacciaio e Carbone), lItalia con taciti accordi si offr di fornire mano dopera. Questa mano dopera era costituita da meridionali.

    http://www.emigrati.it/Tragedie/MARCINELLE.asp

    Ancora una volta gli uomini del sud utilizzati come merce di scambio.

    Bene, mi sapete dire dove sono ubicati gli uffici o agenzie Comunitarie in Italia?

    Per citarne solo una, CCR (Centro Comune di Ricerca ) presso Ispra (Varese).

    http://www.europarl.europa.eu/roma/3/rom5655eu18891.htm

    Ancora una volta, i sacrifici a noi ed i benefici al nord. BASTA!!!

    Divulghiamo per favore, grazie.

    Tanti saluti da Gaetano.

    Date: Wed, 19 Sep 2012 11:41:13 +0000 To: mazzarex@hotmail.es

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...