«Il Vesuvio fuma la pipa»

Angelo Forgione «Il Vesuvio fuma la pipa». Era questo il popolare modo di dire dei napoletani per indicare il pennacchio di vapore che usciva dal cono del vulcano in attività. Ce lo dice il volume II della pubblicazione Usi e Costumi di Napoli e contorni descritti e dipinti, pubblicato nel 1858, in cui il poeta e giornalista Enrico Cossovich, anche autore del testo in italiano della canzone Santa Lucia, in un capitolo dedicato proprio al Vesuvio scrive:

“Il nostro Vesuvio, a differenza di altri vulcani, può dirsi in una continua attività, sia quando erutta fuoco, sia quando fumiga soltanto o,secondo la frase popolare, fuma la pipa.”

L’ultima eruzione, quella del 1944, sancì il passaggio del Vesuvio ad uno stato di attività a condotto ostruito e cancellò il pennacchio alla vista delle popolazioni intorno. Nella pubblicazione Il poeta solitario: Canzoniere del 1968, l’autore ‪Michele Miniello Genchi‬ scrive:

“Sussulta la grande metropoli e canta così: – È spento Il caro Vesuvio: È morta la bella città di Napoli! Non fuma la pipa Il vecchio Vesuvio […].”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...