De Sanctis para il fuoco amico

Angelo Forgione – «Da 4 anni a questa parte ho capito che Napoli è una città per certi versi autodistruttiva. Purtroppo c’è sempre qualcuno che vuole rovinare le cose belle. Sono ormai napoletano da 4 anni e molto probabilmente lo sarò per i prossimi due anni: mi permetto di dire che se la gente di Napoli fosse così esigente con se stessa come lo è con la squadra di calcio, la città sarebbe la più ordinata, bella e funzionale del mondo»
Parole del portiere del Napoli Morgan De Sanctis (a Dario Sarnataro per Radio Marte e  Il Mattino), un uomo che ha capito il vero problema della città: l’autolesionismo. Signori, se non si fosse capito, qui si va ben oltre il calcio. Da Napoletano fiero, consapevole e proattivo, plaudo alle sue parole non banali. È chiaro che le sue osservazioni partano da un certo disagio in ambito sportivo, ma sono pertinenti e, per quanto mi riguarda, gradite. Dargli torto non fa bene alla nostra comunità che deve avere il coraggio, una volta e per sempre, di fare autocritica. È vero, c’è una frattura tra istituzioni e cittadini, e questo non aiuta. Ma se i monumenti sono imbrattati e danneggiati, se le strade sono sporche ad ogni ora del giorno e della notte, non sono certo il Comune, la Regione o Montecitorio a ridurre la città in questo stato. Le istituzioni hanno grosse colpe nel non vigilare, nel non rimediare, ma il rimedio viene sempre dopo del danno. Molti Napoletani devono cambiare mentalità e accantonare l’alibi della malamministrazione, dei potenti che effettivamente non vogliono che le cose cambino (perché non lo vogliono), e iniziare ad essere esigenti verso se è stessi almeno quanto verso la squadra di calcio. Io direi anche di più. Abbiamo l’oro sotto i piedi e ci sputiamo sopra, come fanno tutti i nostri nemici. Che aspettiamo a proteggerci? Bravo Morgan. Meno bravi alcuni Napoletani.

5 thoughts on “De Sanctis para il fuoco amico

  1. Quanto tutti puntano il dito verso di noi per tutti i mali del mondo invece di analizzare la situazione risolvendo la vera causa si finisce nel crederci e giocre il ruolo. Ma la realta e tut’altro. Il marcio e tutto il paese. Antonio

  2. Ho più volte esternato, anche su questo blog, che se i napoletani amassero la propria Città così come amano la squadra di calcio Napoli sarebbe una bomboniera.
    Sono d’accordo con lui sul fatto che sarebbe molto meglio evitare di sporcare anzichè lamentarsi che l’amministrazione non pulisce ciò che noi sporchiamo.
    Detto questo, mi corre l’obbligo di dire che anche De Sanctis è autodistruttivo perchè grazie alle sue papere ci è costato almeno 3 scudetti ed una eliminazione dalla coppa dei campioni.
    E’ un portiere molto ma molto scarso.

  3. BRAVO MORGAN !! d’accordissimo con il N.1 Partenopeo. I “criminali intellettuali”,esperti di cosa non si sà, c’è li abbbiamo proprio in casa ed hanno nomi e cognomi precisi:MIMMO MALFITANO,FEDELE (forse perchè magna poco o niente come procuratore”),CORBO E CESARANO, tantoo per fare qualche esempio. (aggiungendo anche i i tantissimi “tifosetti” occasionali, disfattisti condizionati dal risultato. Sono i peggio di tutti.). Questi sono i nomi (per me e per molti altri) dei mediocri giornalai (senza offesa per i giornalai) che godono quando le cose non vanno bene. Andrebbero allontanati, INVIATI si ,ma a quel paese. E COMUNQUE CARO MORGAN A TE NON TI CONTESTA NESSUNO..SEI E SARAI IL NOSTRO NUMERO 1. Al di più possono essere una manciata di OCCASIONALI che esprimono solo la loro ignoranza calcistica, non badarli sono quelli che la settimana prima fischiano e la settimana dopo cantano “oje vita mia”… questi pochi esseri insignificanti e mediocri è vento che sparisce subito…è gente che conosce il Napoli dall’avvento di Mazzarri che li ha abituati troppo bene…a caviale e champagne.!!! MORGAN DE SANCTIS UNO DI NOI…IL PIù FORTE PORTIER CHE IL NAPOLI ABBIA MAI AVUTO !!!

    • Ma forse stai parlando di Zoff?
      O ti riferivi a Castellini??????
      Il nostro pirata Morgan ha fatto altre due cazzate a Chievo Verona!!!!!
      Separiamo l’uomo dal portiere; al primo diamo otto, al secondo tre!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...