È nata “Unione Mediterranea”

“Unione Mediterranea”. È questo il nome del nuovo movimento politico nato alla Stazione Marittima di Napoli, nel corso di un’assemblea con oltre 600 presenti. Dopo una selezione tra oltre cento proposte è stato battuto al fotofinish il nome “Primavera Mediterranea”. L’assemblea ha votato e definito la Carta dei principi basati sul ripudio del razzismo, della difesa dei valori meridionali e della verità storica, e un Coordinamento provvisorio con 44 componenti tra indipendenti e una ventina di gruppi e movimenti organizzati. Alle votazioni hanno partecipato anche 200 persone collegate via web.
Il movimento guarda con attenzione al giornale annunciato da Pino Aprile, intervenuto in assemblea, e vedrà nella difesa degli interessi del Sud il campo d’azione fondamentale. Tra i promotori di Unione Mediterranea lo scrittore Lino Patruno, l’assessore alle Attività produttive del Comune di Napoli Marco Esposito e gli artisti Eugenio Bennato e Mimmo Cavallo con il supporto morale di Fiorella Mannoia. All’assemblea è intervenuto il sindaco di Napoli Luigi de Magistris che ha sottolineato l’importanza che il cambiamento dell’Italia parta da Sud.

 

5 pensieri su “È nata “Unione Mediterranea”

  1. Era ora che il Sud si svegliasse dal sonno profondo durato 150 anni per volonta’ di Cavour & compagnia bella!
    La crisi profonda che l’Italia attraversa, fungerà da cartina di tornasole di tutte le contraddizioni, le falsità, le iniquità e le ingiustizie con le quali i partiti al potere hanno impoverito il Sud, trasformandolo prima in briganti e naviganti ed oggi in camorristi, mafiosi e ‘ndranghetisti: basta con questo psicodramma in versione politichese che dura dal 1860 ad oggi!
    Finalmente alcuni figli del Sud, con in testa Pino Aprile, hanno alzato la testa e la voce, stracciando quei veli intrisi di sangue che la storia dei vincitori aveva alzato sul Regno delle due Sicilie fino a distruggerne la pur splendita esistenza fino al 1860!
    Occorre organizzarsi subito e bene, nella massima trasparenza e democrazia, evitando gli errori che sta facendo Grillo, far crescere in tutti i 30 milioni di italiani del Sud la consapevolezza che dalla crisi si esce ma senza la casta che per 150 anni ha fatto di tutto per annichilire il nostro radioso popolo!
    Sono pronto a dare il mio contributo, fino alla vita se occorre, pur di vedere il Sud rispettato almeno come lo era fino al 1860!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...