L’ammuina storica de “Il Mattino”

L’ammuina storica de “Il Mattino”

Il direttore Cusenza inciampa sul falso storico

Monti a Napoli, segue editoriale de “Il Mattino” a firma del direttore Cusenza dal titolo “Subbuglio, non ammuina”. Una disamina del momento del paese visto da Sud dettato da una dichiarazione del premier:  “Al Sud manca la massa critica, per il subbuglio innovativo che spinga la classe dirgente a cambiare e i cittadini a chiedere la soddisfazione di diritti collettivi e non soluzioni privilegiate”.
Cusenza si domanda cosa intenda Monti con la parola “subbuglio” con osservazioni precise e condivisibili, chiudendo però lo scritto con un falso storico ancora tristemente in voga, purtroppo tirato di nuovo fuori dal quotidiano di Napoli. “Il rischio è che il «subbuglio» montiano diventi la traduzione lombarda del napoletanissimo editto della marineria borbonica sul «facite ammuina», così chiude Cusenza.
Il regolamento della Real Marina del Regno delle Due Sicilie non ha mai contenuto alcuna disposizione o articolo che regolasse “ammuina” e confusione a bordo. A testimoniare il fatto che l’editto fosse falso e a scopo denigratorio è il fatto che il regolamento della Real Marina, al pari di tutti gli atti ufficiali del Regno delle Due Sicilie, era redatto in lingua italiana e non napoletana; di fatto, i firmatari di quel falso regolamento, Di Brocchitto e Bigiarelli, non risultano in alcun archivio italiano e in alcun atto ufficiale borbonico. In realtà si tratta di una astuzia di un ufficiale napoletano, Federico Cafiero, passato dai napolitani ai piemontesi, che fu sorpreso nel sonno con buona parte dell’equipaggio a bordo della sua nave da un ammiraglio piemontese. Messo in punizione, inventò la disposizione tornando sulla nave per dettare ai suoi marinai la maniera per evitare di essere sorpreso nuovamente.
È particolarmente triste che proprio il quotidiano di Napoli contribuisca ancora a sdoganare falsità sulla storia di Napoli, facendo “ammuina storica” e disonorando peraltro la grande Real Marina delle Due Sicilie che rese la vita difficile alle grandi potenze europee nel Mediterraneo, facendo arrossire il Regno di Sardegna che, ad unificazione avvenuta, non potè che adottarne regolamento, uniformi e gradi. Altro che “napoletanissimo” editto.

4 pensieri su “L’ammuina storica de “Il Mattino”

  1. Purtroppo finchè ci sono questi signori che dovrebbero descrivere dov’è realmente il marcio e invece sistematicamente ci denigrano, non cresceremo mai e la storia, quella vera, rimarra perennemente nascosta alla massa.

    • Il facite ammuina… è purtroppo diventata un’icona negativa di Napoli, che fa il paio con le vacche di Mussolini, ( cioè la capacità furbesca di una organizzazione, di una società o di un gruppo di coprire la sostanza con la forma). Questo evento è spesso abbinato alla necessità di dover presentare dei risultati in presenza di scarsità di risorse, e questa non è un accezione del tutto negativa se si pensa alla strategia, bassoliniana prima ma anche demagistrisiana oggi, di dover presentare risultati visibili e spendibili (vedi lungomare liberato) in presenza di una profonda quanto endemica crisi di risorse.
      Il tema che dobbiamo approfondire, anche culturalmente, se le attuali classi dirigenti napoletane, riescono a pianificare gli obiettivi…. il che sarebbe il vero contrasto allo stereotipo. chi pianifica e progetta un obiettivo per sua natura lo persegue e non è interessato a fare ammuina. Per cui sono visceralmente in accordo con questo blog che combatte gli inutili e dannosi clichè ma desiderei che si facesse anche propulsore di iniziative che li combattano nella sostanza e non si indignino solo sulla loro evocazione.

      • Da questo fronte, le sollecitazioni ad iniziative che combattano gli stereotipi partono continuamente. Denunce a certi fatti così come agli errori interni. Mi piacerebbe che fosse chiaro.

  2. Pingback: L’ammuina elettorale | il blog di Angelo Forgione – V.A.N.T.O.

Rispondi a Francesco Netti Cancella risposta

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...