Capodanno in piazza, tradizione nata a Napoli, Roma e Bologna

Angelo Forgione  È ormai usanza tradizionale di tutte le principali città italiane quella di festeggiare l’arrivo del nuovo anno in piazza, al freddo della prima notte di Gennaio. Da più di un ventennio va avanti con musica, spumante e fuochi d’artificio sotto le stelle invece che nei più riparati e costosi ristoranti. Furono Napoli, Roma e Bologna a fare da apripista, il 31 dicembre del 1994, quando in Italia proprio non si usava. Lungo quest’asse esplose il veglione all’addiaccio nella notte di San Silvestro, già di moda all’estero. Tre feste pubbliche organizzate da quelle che all’epoca erano considerate amministrazioni progressiste: Antonio Bassolino a Napoli, Francesco Rutelli a Roma, Walter Vitali a Bologna.
Sotto il Vesuvio, da qualche mese era stato recuperato il “salotto buono” di piazza del Plebiscito, l’antico Largo di Palazzo, pedonalizzato e liberato dalle auto con i restauri del G7, che poi fu G8 con l’invito accettato dalla Russia. I napoletani scoprirono la regalità dello slargo neoclassico e se ne innamorarono. Ma la sera del 10 luglio, giorno di chiusura del summit, il sindaco Bassolino andò a rilassarsi al Gran Caffè Gambrinus e notò che erano già state spostate le transenne dai cittadini; le macchine già iniziavano a circolare in quello che fino a qualche settimana prima era stato un indecente maxi-parcheggio. Don Antonio scattò personalmente a rimettere a posto le transenne, chiamò i vigili, fece rispettare il divieto provvisorio e nella notte prese la decisione. All’indomani informò la Giunta: la piazza doveva essere chiusa al traffico permanentemente. A dicembre inaugurò i festeggiamenti di Capodanno, per Napoli ma anche per l’Italia. Un palco allestito dagli operai del Comune sul lato di palazzo Salerno e una telefonata a Marisa Laurito e Luciano De Crescenzo, che erano in città per le feste, per invitarli a scandire il countdown dopo la musica di Enzo Gragnaniello, Antonio Onorato, Tony Cercola e Nello Daniele. Innocui e legali fuochi d’artificio distribuiti gratuitamente durante la giornata in alcuni stand davanti Palazzo Reale. Fu una scommessa. Vinta. Arrivarono al Plebiscito in centomila, tra napoletani e turisti, e negli angoli più suggestivi della piazza trovarono artisti di strada, mimi, musici, attori, ballerini e clown ad esibirsi. Una “lenticchiata” per tutti e, dopo la mezzanotte, uno spettacolo pirotecnico sul mare, per decenni il piatto forte dell’ormai scomparsa festa di Piedigrotta. E per concludere, cornetti caldi a mille lire del vecchio conio nei chioschi allestiti dagli acquafrescai di Mergellina.
Contemporaneamente, in piazza del Popolo a Roma, cinquanta pianoforti con i migliori jazzisti italiani a trasformare in suoni dal vivo cento anni di cinema d’autore. Su un megaschermo le immagini delle pellicole che hanno fatto storia. Gran ballo in compagnia del sindaco Rutelli e fuochi d’artificio.
A Bologna, in  piazza Maggiore, la ‘Notte degli Angeli’ all’insegna dei lustrini e della solidarietà. Uno spettacolo condotto da Paolo Bonolis con i maggiori nomi dello spettacolo bolognese: Lucio Dalla, Gioele Dix, Red Ronnie, Gianni Morandi, Ron, Luca Carboni e altri.
Così nacque il Capodanno italiano in piazza. Lo partorirono Napoli, Roma e Bologna. Oggi è tradizione nazionale.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...