I tifosi del Fluminense cantano “funiculì funiculà”

Fluminense vs Italia, test premondiale per gli azzurri in vista dei Mondiali. La torcida del Flu, a metà del primo tempo, intona “Funiculì funiculà”, uno dei cori tipici di casa. Tutto a pennello in una serata in cui i cinque goal portano la firma dei napoletani Immobile e Insigne. La Stampa di Torino scrive che il canto sa di presa in giro. Non lo è. È semplicemente Napoli mondiale, biglietti a parte.

Spirito napoletano in un supermarket di Londra

Saclà UK, ramo britannico dell’azienda piemontese di conserve vegetali, ha fatto irruzione in un supermercato londinese con lo “spirito italiano”… sulle note di Funiculì Funiculà.
Qualche giorno fa, l’azienda ha organizzato un’Opera improvvisata nel John Lewis Oxford Street Foodhall, al Waitrose di Londra, con i cantanti travestiti da clienti e personale del negozio, sorprendendo i veri clienti. Sul sito di Saclà UK si legge: “Godetevi tutto lo spirito e la passione d’Italia in questa breve “Shopera”.

Jamme Card, errore di scrittura o licenza pubblicitaria?

Jamme Card, errore di scrittura o licenza pubblicitaria?
La e-card mensile UnicoNapoli viaggia con un errore

Angelo Forgione – Nuova nata in casa UNICO: è arriva a Giugno la “JAMME CARD”, il mensile “UnicoNapoli” su supporto elettronico. Pratico, veloce, comodo, può essere ricaricato ogni mese presso i punti abilitati e presenta lo straordinario vantaggio di poter essere duplicato in caso di furto o smarrimento.
Il nome è una esortazione alla mobilità su mezzi pubblici,
 creativo e calzante dal punto di vista della comunicazione perchè rende omaggio alla prima canzone pubblicitaria della storia, “Funiculì Funiculà”, scritta nel 1880 e ispirata dall’inaugurazione della prima funicolare, quella del Vesuvio. Ma con un errore, o forse una licenza pubblicitaria, visto che “andiamo” in Napoletano si scrive jammo e non jamme.
In un periodo in cui la scrittura corretta e la grammatica della lingua Napoletana, riconosciuta dall’Unesco, sono ormai solo un ricordo, che almeno si sappia che “jamme”, stampato su milioni di abbonamenti che stanno finendo sotto gli occhi della gente di tutta la regione, è un errore. Qualcuno potrà storcere il naso ritenendo la cosa di lieve entità ma una grande cultura come quella Napoletana anddrebbe rispettata di più, anche attraverso la sua lingua. E JAMMO… JA’!