Il Napoli ritorna tra i 20 club più ricchi d’Europa

Il Napoli torna tra i primi 20 club d’Europa per fatturato. Nell’ultimo report di Deloitte Football Money League, realtivo ai venti club europei che nella stagione 2013-2014 hanno incassato di più, il club azzurro figura al sedicesimo posto, con quasi 167 milioni di ricavi. Ovvio che il risultato sia ottenuto grazie ai proventi della scorsa Champions League e che sia difficile restare tra le prime venti dopo l’eliminazione ai preliminari della massima competizione europea della stagione corrente. In ogni caso si tratta di un gran risultato per una società del Mezzogiorno d’Italia (con uno stadio vecchio) che continua ad affacciarsi tra le più ricche d’Europa e che disputa le competizioni europee da cinque anni ininterrottamente (miglior performance italiana).

deloitte_2015

l’exploit del Napoli, società solida in un territorio povero

Cresce la forza del Napoli… non solo in campo. Già l’edizione 2012 dello studio Football Money League 2012, pubblicato da Deloitte, aveva sancito l’ingresso del sodalizio azzurro nella classifica delle prime venti società d’Europa per fatturato. A distanza di un anno, l’edizione 2013, frutto dei ricavi totalizzati nella stagione 2011/12, vede il Napoli salire dal 20^ al 15^ posto, insieme al Borussia Dortmund e al Manchester City tra le tre squadre con la crescita maggiore dal 1997/98. Calano un po’ tutte le big, comprese le nostrane Milan, Inter e Roma.
Anche la prestigiosa rivista statunitense Forbes, specializzata in economia e finanza, ha decretato l’ingresso del Napoli tra i 20 club più ricchi al mondo. La mancata partecipazione alla Champion’s League corrente causerà certamente un indietreggiamento, anche perché le società inglesi godranno di maggiori intoriti televisivi e domineranno le classifiche del 2014. In ogni caso, non va sottovalutato che la forza acquisita dalla società di De Laurentiis giunge senza uno stadio di proprietà e con competitors di aree ricche d’Europa. Mentre il Napoli è realtà di in una delle più povere: il Sud-Italia. Mica male!

il Napoli tra le 20 società più ricche d’Europa

Angelo Forgione – L’ultima edizione dello studio Football Money League 2012 pubblicato da Deloitte rivela le potenzialità della SSC Napoli, al 20° posto nella classifica delle prime venti società d’Europa per fatturato. Secondo le stime della stagione 2009/10, le più ricche si confermano Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayer Monaco, Arsenal e Chelsea. Cinque le squadre italiane presenti: Milan, Inter, Juventus, Roma e Napoli. Ma mentre le prime tre fanno segnare un calo del fatturato, Roma e Napoli hanno visto crescere i propri ricavi rispettivamente del 17% e del 25% rispetto al 2009/10. Va da se che l’anno prossimo la classifica del Napoli sarà ancora più lusinghiera, considerando le entrate della Champions League in corso (e qui si spiegano le mire europee di De Laurentiis, ndr) e l’aggiunta di un secondo sponsor sulle maglie, mentre per la Roma si registrerà un netto passo indietro non avendo neanche disputato l’Europa League. La posizione del Napoli assume ancora più valore alla luce della geografia delineata. 6 inglesi, 5 italiane, 4 tedesche, 3 spagnole e 2 francesi, ma il Napoli va inquadrato in un’area economicamente tra le più depresse d’Europa: il Mezzogiorno.
Per le italiane resta troppo basso il contributo del merchandising e degli entroiti dai biglietti venduti rispetti ai diritti televisivi. Se gli incassi nella stagione 2009/2010 in Italia sono stati pari a 200 milioni di euro, in Germania sono stati 380 milioni, in Spagna 440 milioni e in Gran Bretagna addirittura 649 milioni.  Il problema è facilmente identificabile negli stadi di proprietà, e qui si riapre l’antica piaga del vecchio, fatiscente e poco accogliente Stadio “San Paolo”. Può una società tra le più ricche d’Europa dimorare in un impianto del genere? Un riflesso evidente dell’area geografica di provenienza della SSC Napoli.