Sabato 10, pomeriggio di sport e cultura a Orta di Atella

incontro con V.A.N.T.O., a seguire il derby Atellana vs Capua

Sabato 10 novembre alle ore 16, in occasione del derby Atellana-Capua valevole per il campionato di Pallamano maschile serie A2 (ingresso gratuito), saranno presentati gli sponsor che accompagneranno la stagione agonistica della squadra di Orta di Atella.
Tra questi lo sponsor Culturale V.A.N.T.O. che, all’incontro di sabato, sarà presente con una rappresentanza guidata dal suo fondatore Angelo Forgione.
«L’orgoglio di appartenenza e la cultura di Angelo Forgione sono arricchimenti per chiunque abbia la fortuna di incontrarlo – sottolinea Maria Grazia Capasso, presidentessa della U.S.C. Atellana – e avvicinare il Movimento da lui ideato alla nostra squadra aggiunge valore e significato alla nostra attività agonistica. Forgione, infatti, promuove la cultura di Napoli e del Mezzogiorno, una ricchezza fatta di storia millenaria, di tradizione, di arte, di letteratura, di musica e di poesia, humus vitale in cui affondiamo le nostre radici per proiettarci verso un futuro purtroppo non ancora sgombro dalla ferocia del razzismo, anche nei luoghi dello sport. E noi della U.S.C. Atellana porteremo il marchio V.A.N.T.O in campo, stampato sulle divise come bandiera distintiva di un agonismo che rispetta l’avversario, della vittoria che premia i sacrifici personali ed il lavoro di squadra, dello sport che rappresenta la nostra terra ai vertici delle classifiche nazionali ed internazionali, e senza i riflettori dello show business puntati addosso».
«Dopo la presentazione degli sponsor, alle ore 18 prenderà il via una delle partite più sentite della stagione – annuncia Franco Mozzillo, capitano della U.S.C. Atellana – quella che vedrà in campo l’Atellana e l’Obros Capua, entrambe capolista della classifica nazionale Pallamano maschile serie A2. Un derby che  si preannuncia ricco di emozioni per il livello agonistico e tecnico schierato in campo.  Entrambe le squadre punteranno alla vittoria per ottenere il comando solitario della classifica, questo è ovvio, ma qualunque sarà il risultato, resterà l’orgoglio di una Terra che svetta in classifica e vince smarcandosi da avversari di tutta Italia».
Appuntamento dunque a Orta di Atella. Per lo sport e per la cultura insieme.

il Napoli tra le 20 società più ricche d’Europa

Angelo Forgione – L’ultima edizione dello studio Football Money League 2012 pubblicato da Deloitte rivela le potenzialità della SSC Napoli, al 20° posto nella classifica delle prime venti società d’Europa per fatturato. Secondo le stime della stagione 2009/10, le più ricche si confermano Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayer Monaco, Arsenal e Chelsea. Cinque le squadre italiane presenti: Milan, Inter, Juventus, Roma e Napoli. Ma mentre le prime tre fanno segnare un calo del fatturato, Roma e Napoli hanno visto crescere i propri ricavi rispettivamente del 17% e del 25% rispetto al 2009/10. Va da se che l’anno prossimo la classifica del Napoli sarà ancora più lusinghiera, considerando le entrate della Champions League in corso (e qui si spiegano le mire europee di De Laurentiis, ndr) e l’aggiunta di un secondo sponsor sulle maglie, mentre per la Roma si registrerà un netto passo indietro non avendo neanche disputato l’Europa League. La posizione del Napoli assume ancora più valore alla luce della geografia delineata. 6 inglesi, 5 italiane, 4 tedesche, 3 spagnole e 2 francesi, ma il Napoli va inquadrato in un’area economicamente tra le più depresse d’Europa: il Mezzogiorno.
Per le italiane resta troppo basso il contributo del merchandising e degli entroiti dai biglietti venduti rispetti ai diritti televisivi. Se gli incassi nella stagione 2009/2010 in Italia sono stati pari a 200 milioni di euro, in Germania sono stati 380 milioni, in Spagna 440 milioni e in Gran Bretagna addirittura 649 milioni.  Il problema è facilmente identificabile negli stadi di proprietà, e qui si riapre l’antica piaga del vecchio, fatiscente e poco accogliente Stadio “San Paolo”. Può una società tra le più ricche d’Europa dimorare in un impianto del genere? Un riflesso evidente dell’area geografica di provenienza della SSC Napoli.

DISCARICHE SUL VESUVIO – IL VULCANO INTOSSICATO (dopo Chiaiano, il Vesuvio. E poi?)

150 anni di soffocamento per Napoli e il Sud

Dopo Chiaiano, il Vesuvio diventa vittima sacrificale della crisi dei rifiuti in Campania. Un territorio devastato dalla politica e dall’incontrastato controllo delle mafie a cui il Sud è consegnato, quello stesso territorio che prima dell’unità d’Italia era protetto da leggi speciali e che in 150 anni di unità d’Italia è diventato il più “sfregiato” d’Europa.

si ringraziano per le immagini l’Associazione Cittadini Giornalisti, Valigia Blu (Nell’inferno di Terzigno), Ricky Farina, Pietro Menditto e Diego Fabricio (Vietato respirare) e Mauro Caiano (Napoli Capitale)