Il disturbo dello juventino napoletano che “segue” il Napoli

juve_sudAngelo Forgione Piccolo siparietto televisivo apparentemente insensato che invece nasconde un problema economico meridionale.
È una costante delle trasmissioni sportive napoletane dedicate al filo diretto con i tifosi: lo juventino di Napoli e dintorni che telefona per affermare la propria fede. Gente che quelle trasmissioni le guarda con costanza quotidiana, perché in fondo si tratta di tifosi del Napoli che non riescono a risolvere un conflitto interiore. Gente che ha iniziato a tifare per la Juventus (ma anche per Milan e Inter) in età infantile, per affermare la propria voce su quella degli amichetti, ma che, in età adulta, non riesce ad avere sufficiente personalità per rimettersi in discussione quando l’identità e la territorialità prendono inevitabilmente il sopravvento. Non c’è dubbio che si tratta di un disturbo della psiche.
È accaduto anche e a me, ospite alla trasmissione Club Napoli All News di Francesco Molaro. Si parlava di Napoli calcio ma soprattutto di Napoli città, tutto in chiave identitaria, e all’improvviso ha fatto irruzione il classico disturbato: «Pagate le tasse, e avrete servizi, voi napoletani», urlava con accento campano, ma come se fosse lombardo o veneto. «Bisogna fare come la Juve, essere vincenti», diceva il disturbato per autoconvincersi della superiorità del popolo juventino, che una città e quindi un’identita, di fatto, non ce le hanno. Anche in questo modo, cioè attraverso i sondaggi sulle dimensioni delle varie tifoserie, il Nord prende soldi al Sud. Per chi non lo sapesse, il 25% dei diritti TV è ripartito in base ai bacini di utenza, cioè traducendo in fette economiche – e sono tanti soldi – la gerarchia delle tifoserie dettata dalle scelte di fede sportiva dell’immensa platea di appassionati, i quali talvolta acquistano anche abbonamenti e biglietti allo stadio e prodotti ufficiali del merchandising. Senza contare i soldi derivanti dal turismo sportivo.

l’exploit del Napoli, società solida in un territorio povero

Cresce la forza del Napoli… non solo in campo. Già l’edizione 2012 dello studio Football Money League 2012, pubblicato da Deloitte, aveva sancito l’ingresso del sodalizio azzurro nella classifica delle prime venti società d’Europa per fatturato. A distanza di un anno, l’edizione 2013, frutto dei ricavi totalizzati nella stagione 2011/12, vede il Napoli salire dal 20^ al 15^ posto, insieme al Borussia Dortmund e al Manchester City tra le tre squadre con la crescita maggiore dal 1997/98. Calano un po’ tutte le big, comprese le nostrane Milan, Inter e Roma.
Anche la prestigiosa rivista statunitense Forbes, specializzata in economia e finanza, ha decretato l’ingresso del Napoli tra i 20 club più ricchi al mondo. La mancata partecipazione alla Champion’s League corrente causerà certamente un indietreggiamento, anche perché le società inglesi godranno di maggiori intoriti televisivi e domineranno le classifiche del 2014. In ogni caso, non va sottovalutato che la forza acquisita dalla società di De Laurentiis giunge senza uno stadio di proprietà e con competitors di aree ricche d’Europa. Mentre il Napoli è realtà di in una delle più povere: il Sud-Italia. Mica male!