San Gennaro Day ’14: serata di gala per la Napoli positiva

Angelo Forgione – Si è svolto sul gremitissmo sagrato della Cattedrale di Napoli il galà del premio “San Gennaro Day 2014”, l’evento diretto e presentato in maniera impeccabile da un brillantissimo Gianni Simioli (perfetto cerimoniere e grande aggregatore delle mille facce di Napoli) al quale ho preso parte in veste di premiatore di Ilenia Lazzarin. La kermesse, inaugurata da un intervento del filosofo Aldo Masullo e dal cardinale Sepe, ha richiamato centinaia di fans di Gigi D’Alessio (che ha suonato un medley) e ha celebrato le premiazioni anche di Paolo Caiazzo, Federico Salvatore, Lina Sastri, Franco Ricciardi, Giampaolo Morelli, i Manetti Bros, i Sangue Mostro, Angelo Schettino, i The Jackal, Gerardo Ausiello, Leandro Del Gaudio, Pascal Vicedomini e Leopoldo Mastelloni (premio alla carriera). Particolarmente significative, in chiave identitaria, le esibizioni donate ai presenti da Paolo Caiazzo e Federico Salvatore, due artisti che non si sono mai tirati indietro quando c’era da raccontare nei modi a loro più congeniali una storia e una realtà diversa. La serata ha avuto un momento di commozione quando al centro della platea sono intervenuti i genitori di Ciro Esposito, con la sua immagine sul maxischermo. Cinque minuti di applausi interminabili prima che i due chiedessero verità e giustizia.
Per Ilenia Lazzarin hanno parlato le sue stesse parole di amore per Napoli pronunciate nel videoclip mostrato alla platea. Prima di premiarla, ho sottolineato come gli inevitabili timori della diciottenne ragazza della tranquilla provincia settentrionale che si apprestava ad approdare a Napoli si siano presto sciolti (a proposito di prodigi) verificando la realtà, e ho evidenziato che pregiudizi e denigrazione nascono da chi non conosce gli altri popoli, mentre Ilenia incarna il valore dell’incontro che sgretola la disarmonia.
Federico Salvatore, interprete di una calzante Se io fossi San Gennaro, si è tolto ancora una volta il macigno dalle scarpe: «Dopo aver scritto e cantato questa canzone – ha detto l’artista – la televisione italiana mi ha sbattuto fuori e non mi ha fatto più lavorare, ma io oggi continuo a raccontare la verità nei teatri, e di questo ringrazio sempre e solo i napoletani». Il premio gli è stato consegnato da Gennaro De Crescenzo (movimento Neoborbonico), che ha evidenziato l’impegno e l’importante apporto dell’artista nel percorso comune di ricostruzione della coscienza del popolo napoletano e meridionale.

Al San Gennaro Day per premiare Ilenia Lazzarin

ilenia_lazzarinDopo il grande successo della prima edizione, il 21 settembre torna la kermesse ideata e diretta da Gianni Simioli. Tutto pronto dunque per il galà del “San Gennaro Day 2014″, un grande spettacolo sul sagrato del Duomo di Napoli (ore 20) in cui saranno premiati grandi nomi della cultura, della musica, dello spettacolo, imprenditori, associazioni di volontariato e cittadini sconosciuti al mondo del gossip ma meritevoli di grandi consensi (leggi il cast della serata).
Dopo il premio “San Gennaro Day 2013” ricevuto lo scorso anno, Angelo Forgione tornerà sul palco dell’evento, stavolta in veste di premiatore di Ilenia Lazzarin, protagonista della fiction Rai Un posto al sole nei panni di Viola e autrice del “miracolo” del Nord che abbraccia il Sud. Nata nella provincia lombarda, a Busto Arsizio, e trasferitasi a Vercelli a 11 anni, è approdata a Napoli a 19 anni per entrare nel cast della “soap” partenopea, e se ne è innamorata.

Ilenia Lazzarin, dal Nord alla sorprendente Napoli

L’esperienza napoletana di Ilenia, la bella Viola di “Un posto al sole”

Nata nella provincia lombarda, a Busto Arsizio, trasferitasi a Vercelli a 11 anni per poi approdare a Napoli a 19 anni ed entrare nel cast della “soap” partenopea.
Ilenia Lazzarin racconta Napoli vissuta con gli occhi di una ragazza della provincia settentrionale catapultata appena maggiorenne nella caotica metropoli del Sud, spiazzata dall’impatto con una realtà controversa e spesso eccessiva ma ben presto sorpresa dalla ricchezza culturale, dalla bellezza monumentale e paesaggistica e dall’umanità di una città diversa dagli stereotipi e dai classici pregiudizi al di là dei suoi problemi.
Auguri ad Ilenia per le sue prossime trenta candeline (6 Settembre)… da milanese napoletana. E per la sua prossima laurea napoletana. Ilenia studia infatti Scienze Della Comunicazione al “Suor Orsola Benincasa”.

(si ringraziano Alessandra Del Giudice e napolicittassociale.it)