Piagnisteo veronese

Angelo Forgione – Sulla scia del caso Balotelli, bersagliato dal razzismo della curva del Verona, il consigliere di centrodestra al consiglio comunale scaligero Andrea Bacciga ha depositato una mozione in difesa dell’immagine della città, a suo dire, “infangata e derisa troppe volte ingiustamente”.
Scrive il Nostro su Facebook: “affinché Verona la smetta di essere infangata sui media!”. Avete letto bene? No, non mi riferisco alla sintassi (non è Verona che deve smetterla ma semmai i media) ma proprio al fatto che un consigliere comunale veronese si inalberi per il fatto che la sua città sia etichettata come città razzista. Che poi il consigliere in questione è stato artefice di un saluto romano esibito in aula all’indirizzo di alcune donne.
Nessuno tocchi Verona, dunque, e allora penso a Roma allorché si spara e una giornalista sostiene in tivù che è il “modello Napoli”.
Penso a Trieste, come a Pordenone e ogni altrove in cui affiora una crisi dei rifiuti e il sindaco interessato dice “non siamo a Napoli”.
Penso a Padova allorquando si verifica un furto con destrezza al bar e il titolare dice alla stampa che si è trattato di uno scippo stile Napoli.
Penso a Napoli, che è sempre salvifica per tutti, che se non ci fosse bisognerebbe inventarla, non per il contributo che dà alla cultura occidentale ma per la calunnia continua che se ne fa, e quando protesta è piagnucolona come non lo è Verona, che in fondo è folcloristica nel bersagliare neri e meridionali allo stadio, dice il sindaco.
Penso a tutti quelli che “è colpa di Napoli”, perché si prova invidia, quindi disprezzo, per una città diversa che mostra orgogliosamente la sua fortissima identità in un mondo omologato.
Penso ai Cruciani, i Feltri e le Lucarelli varie che senza Napoli si annoierebbero un bel po’.
Penso ai tifosi veronesi, bresciani, bergamaschi, torinesi, genovesi, milanesi, romani, fiorentini, cagliaritani, baresi, leccesi, salernitani, pescaresi e tutti quelli che vomitano discriminazione territoriale su Napoli per sfogare le loro profonde repressioni.
Per cui, nessuno si permetta di infangare Verona per un fenomeno che alcuni veronesi ostentano con orgoglio, magari con il saluto romano in consiglio comunale. Verona è folcloristica, mentre Napoli, la città più bersagliata d’Italia, è vittimista. Chiaro?

mozione_balotelli

A Pordenone l’exploit del buontempone

Angelo Forgione “Lasciare pulito, non siamo a Napoli!!!”. È questo il messaggio apparso su tre cassonetti della spazzattura di una via residenziale alla periferia di Pordenone.
Con Gianni Simioli, a La Radiazza (Radio Marte) ne abbiamo parlato con Fabio Pacetta, il napoletano che ha filmato la spiacevole sorpresa, per poi chiamare il sindaco della città friulana, che ha giustamente preso le distanze da quanto scritto sui bidoni. “Se la città fosse tappezzata di cartelli contro Napoli – ha detto il primo cittadino – potrei anche capire questa protesta della rete. Si è trattato dell’iniziativa di un cretino e Pordenone non ha nulla a che fare con questa persona”. E lo sappiamo, ma non è questo il punto. Il punto è che piccoli episodi del genere, causati da tanti singoli deficienti, si ripetono qua e là, ed educano al disprezzo di Napoli, per la gioia di alcuni personaggi più o meno influenti dal punto di vista mediatico che non perdono occasione per alimentare una spirale antica e inarrestabile.
Il Comune di Napoli ha risposto con un video di Raffaele Del Giudice, assessore all’ambiente, e con una lettera al sindaco friulano. Magari con un impegno maggiore di operatori ecologici ne avrebbe avute tutte le ragioni.
Il deficiente che ha scomodato Napoli per umiliare i suoi vicini incivili, ammesso che lui sia civile, si faccia un viaggio culturale a Napoli. Scoprirà di non essere a Pordenone, senza nulla toglierle.