Sarri bambino identitario, tifoso del Napoli e simpatizzante della Fiorentina

Angelo Forgione Maurizio Sarri: «Alla scuola elementare ero l’unico tifoso del Napoli nella periferia di Firenze. Io, da piccolo, avevo quest’idea che uno doveva essere tifoso assolutamente della squadra della città dov’era nato. Mi sembrava illogico avere un altro modo di tifare».
Paolo Condò: «La penso esattamente come te».
La lezione di un uomo di calcio, un fiorentino di sangue ma napoletano di nascita; tifoso del Napoli e simpatizzante della Fiorentina per quell’attaccamento alle radici territoriali e a quelle patriarcali, per quella fascinazione che frutta auto-riconoscimento nella squadra che porta il nome della propria città, del territorio di appartenenza, inteso come area dalla precisa identità culturale.
A Figline Valdarno, 25 km da Firenze, il piccolo Sarri ha resistito alla fiorentinità della famiglia, che pure non ha rifiutato, mentre ha totalmente respinto il richiamo delle “big” vincenti del Nord degli anni Sessanta. Perché si sentiva un toscano napoletano dentro. Che carattere!

Topolino napoletano a “Unomattina”

Angelo Forgione – Qualcuno ricorderà che lo scorso aprile, incuriosito dall’incredibile somiglianza tra Mickey Mouse e il topo degli sciroppi La Sorgente, contattai i responsabili dell’azienda di Caivano, che mi diedero delle informazioni sul perché il loro disegno campeggiasse da anni indisturbato sulle loro etichette. Il buon Ruggero Guarini, prima di lasciare questo mondo, ebbe giusto il tempo di stupirsi della primogenitura napoletana del primo topo antropomorfo dell’umanità e scriverne sui quotidiani nazionali. Senza dubbio, il fascino partenopeo attorno al topo più famoso del mondo è così coinvolgente da solleticare anche gli autori del programma Rai Unomattina, i quali hanno imbastito una simpatica discussione sul mio approfondimento, ma attribuendomi una storia sulla cui veridicità indago, peraltro smentendo l’esistenza di Michele Sorece.

Mickey Mouse napoletano fa parlare di sé

Angelo Forgione – Lo scrittore e giornalista Ruggero Guarini, che ringrazio, ha riportato sul Corriere della Sera – Corriere del Mezzogiorno del 18 maggio l’indagine sulle origini napoletane di Mickey Mouse pubblicata su questo blog e su napoli.com.
Tra curiosità più o meno interessanti come questa e grandi verità da riaffermare, la riscoperta della centralità napoletana avanza con sempre maggiore vigore.

clicca sull’immagine per ingrandire

topolino_guarini

Topolino è nato a Napoli?

topolino_confrontoQuesta storia non è nuova, anzi è anche un po’ datata, ma ci ho voluto ficcare il naso e capire quanto ci fosse di vero. Riguarda il mitico Topolino, Mickey Mouse come si chiama a casa sua. Qualche giorno fa il mio amico Marco Rossano, autore del libro-documentario Mondo Azzurro, mi raccontò di una curiosità letta su internet, e cioè che Topolino potesse essere lasorgentenato a Napoli. Gli promisi di interessarmene. «Ma come, Topolino è nato a Napoli?» dirà chi non conosce questa storia. Era la stessa domanda che mi posi anche io. Eppure pare proprio che il primo disegno del topo più famoso del mondo sia stato fatto nel Napoletano, ed è ancora in bella mostra sulle bottiglie dell’azienda che doveva rappresentare: La Sorgente sciroppi e liquori, sede a Caivano. A guardarlo sembra proprio il fratello gemello del primo Mickey Mouse nato sette anni più tardi. Occhioni e grosse orecchie, naso a palla, gambe e braccia esili, guanti e braghette con bottoni, coda lunga e sottile.
lasorgente_2Faccio una telefonata all’azienda napoletana, mi passano una responsabile informata, la quale mi racconta con tono molto sicuro che le cose stanno esattamente come appaiono. Cioè, il loro topolino ha anticipato di sette anni il sosia americano. Le chiedo se c’è mai stata una controversia giudiziaria… possibile che una somiglianza così grande non abbia fatto muovere qualche avvocato per difendere i diritti d’autore? La mia interlocutrice mi riferisce che solo negli anni Ottanta l’azienda fu contattata dalla Mondadori, che all’epoca deteneva i diritti editoriali del fumetto (dal 1935 al 1988), alla quale, dice, fu dimostrato che il loro topo vesuviano era nato nel 1920. Dopodiché il silenzio, e il silenzio è assenso, perché altrimenti un colosso internazionale non ci metterebbe troppo a far sparire il topo dalle etichette degli sciroppi napoletani. Insomma, la Disney e La Sorgente non si contendono in alcun modo il topolino che li accomuna. Fate voi.
Che una bottilglia di liquore portata in America da qualche emigrante sia arrivata nelle mani di Walt Disney? Spulciando sul web, qualcuno racconta una leggenda: il disegno napoletano sarebbe nato dalla fantasia del napoletano Michele Sòrece, ispirato proprio dal suo nome. Sòrece, in napoletano, vuol dire proprio topo. Michele sarebbe partito a metà degli anni Venti del secolo scorso da Caivano, a bordo di una delle navi che portarono milioni di emigrati tra il 1892 e il 1954 per cercare miglior fortuna negli Stati Uniti. Un suo compaesano avrebbe affermato che nel 1927 incontrò un giovane di Kansas City, tale Walter Elias, che lo avrebbe aiutato ad avviare la sua nuova vita oltreoceano. Walter Elias, per la cronaca, non era altri che Walt Elias Disney. Ma negli archivi online di Ellis Island, l’isolotto newyorkese dove approdavano le navi dalle quali sbarcavano gli emigranti italiani, non ho trovato la registrazione del passeggero Michele Sorece, che di fatto non esiste.
Plagio o semplicissima quanto incredibile coincidenza? Il topolino napoletano de La Sorgente sembrerebbe apparso sulle etichette aziendali nel 1920 e Mickey Mouse va in video per la prima volta nel 1927 con il cortometraggio animato Plane Crazy. Il primo topo antropomorfo è nato a Napoli? E la ricerca continua.

mickey_mouse

Cavani: «orgoglioso che mio figlio sia napoletano»

Cavani: «orgoglioso che mio figlio sia napoletano»

«anche per questo sento la rivalità con la Juventus»

Che Cavani sia entrato nello spirito della napoletanità sportiva è chiaro da tempo. E nel salottino di Radio Marte a Castelvolturno, el Matador ha così presentato la sfida di Domenica:
«So bene cosa significa la Juventus per i napoletani. Mio figlio è napoletano, e quindi questa partita la sento fortemente. Ho portato Bautista al “San Paolo” perchè, anche se non capisce ancora cosa succede, è giusto che assapori il calore della sua gente. Anche se io e Maria Soledad siamo uruguaiani e lui ha sangue uruguaiano, è comunque nato a Napoli, sta crescendo a Napoli ed è un napoletano a tutti gli effetti… noi siamo orgogliosi di questo e spero davvero che si ricordi sempre nella sua vita di esserlo. Questo popolo è fantastico!».