Esposto a Parigi il presunto Caravaggio napoletano ritrovato

caravaggio_napoletanoAngelo Forgione Un’abitazione di contadini di Tolosa perde acqua e la riparazione porta alla luce un dipinto del Seicento perfettamente conservato, nascosto nell’intercapedine del sottotetto. È accaduto nel 2014 ma solo ora il quadro è stato mostrato alla stampa, per la prima volta, a Parigi. Potrebbe trattarsi dell’opera Giuditta che decapita Oloferne dipinta a Napoli dal Caravaggio nel 1604 e poi andata dispersa. In attesa delle perizie che potrebbero portare all’attribuzione, il Ministero della Cultura francese ha disposto che la tela non esca dal territorio nazionale. Se dovesse essere del Merisi, potrebbe avere un valore di 120 milioni di euro.
L’attribuzione sarebbe confermata da una copia dell’epoca realizzata da Louis Finson, appartenente alla collezione del Banco di Napoli ed esposta a Palazzo Zevallos di Stigliano a Napoli. L’esistenza dell’originale sarebbe nominata proprio nel testamento del pittore fiammingo, nato a Bruges e morto ad Amsterdam, che trascorse alcuni anni a Napoli e fu amico stretto del Caravaggio.
Ma come è andato disperso il quadro napoletano del grande artista lombardo? Il Merisi dipinse la prima Giuditta che decapita Oloferne a Roma nel 1602, oggi conservata a Palazzo Barberini. Nel 1606 scappò dai territori vaticani per un omicidio commesso e approdò a Napoli. Qui si perfezionò frequentando le accademie scientifiche napoletane, le uniche che approfondivano segretamente le conoscenze anatomiche proibite dalla Chiesa. Caravaggio produsse molte opere in città e fecondò la pittura barocca del Seicento. Nel 1607 dipinse nuovamente la Giuditta che decapita Oloferne, nella versione napoletana. Poco dopo partì per Malta e lasciò delle opere ai suoi amici nordici Louis Finson e Abraham Vinck, pittori, anche loro interessati alla pittura locale. Uno di quei dipinti era proprio la Giuditta che decapita Oloferne. Tornando da Malta, Caravaggio ripassò per Napoli, dove apprese di aver avuto la grazia dal Papa, cosa che gli consentiva di rientrare a Roma. Prese alcuni quadri da donare al Pontefice e affidò ai suoi amici pittori a Napoli alcune opere da conservare, tra cui Giuditta e Oloferne, che avrebbe ritirato tornando in seguito a Napoli. Ma a Napoli non sarebbe più tornato e quelle opere non le avrebbe mai riprese. Finson realizzò una copia del dipinto sicuramente non prima del 1607, a Napoli, e poi lasciò la città, portandosi via i quadri del Caravaggio. ormai morto. Da allora del Giuditta e Oloferne si persero le tracce.
Nel 1957, dalla collezione del Banco di napoli, spuntò la copia del dipinto di Finson, oggi in mostra a Palazzo Zevallos di Stigliano. E poi, nel 2014, il ritrovamento di Tolosa.
Per Nicola Spinosa, grande esperto d’arte, di pittura napoletana e di Caravaggio (ex soprintendente del Polo Museale di Napoli), nel quadro ritrovato a Tolosa è evidente la mano del Merisi. C’è invece chi ritiene che non si tratti affatto di Caravaggio, come Daniele Radini Tedeschi, altro specialista del Merisi, che la accosta più ai suoi discepoli napoletani per via di una marcata impronta satirica. In ogni caso, il dipinto potrebbe appartenere a Napoli, dove fu fecondata la pittura del Seicento e dove, a differenza di altre città, gli artisti avevano la possibilità di migliorare le conoscenze anatomiche. Se la provenienza partenopea fosse accertata, sarebbe auspicabile che il Governo italiano si attivi affinché l’opera sia restituita a Napoli (già spogliata di opere d’arte da giacobini e napoleonidi). Caravaggio o epigono che sia.

TG5: la camorra si aspetta grandi cose da Cavani

TG5: la camorra ora si aspetta grandi cose da Cavani

riprovevole servizio sul ritrovamento dell’orologio di Soledad

Indegno! Lo scippo alla compagna di Ibrahimovic ha dimostrato che Parigi è insidiosa quanto Napoli ma a qualcuno questo non è chiaro e non vede l’ora di metterci dell’altro. Nell’edizione delle 13:00 del TG5 delle di Domenica 5 Agosto è andato in onda un servizio firmato da Giulio De Gennaro circa il ritrovamento dell’orologio di Soledad Cavani in uno stabile di Fuorigrotta. De Gennaro ipotizza che a Parigi la borsa della compagna di Ibrahimovic non verrà ritrovata perchè non c’è una mafia locale che possa prendere a cuore la faccenda e sostiene viceversa che a Cavani sia andata meglio perchè è la camorra ad essersi attivata affinché lo riavesse. Vero o no, le chiusura è agghiacciante, un finale tutto ad effetto che insinua scenari francamente fuori luogo e tutti da stigmatizzare. «E ora, vista l’evidente passione calcistica del boss locale, Cavani è meglio che cominci ad allenarsi… la camorra si aspetta grandi cose da lui». Il giornalista ricama e fa intendere che il bomber del Napoli è “debitore” di un favore ed è meglio che lo ricambi da par suo. L’avvertimento lo fa lui! Vomitevole per un telegiornale nazionale che infanga Napoli con una semplicità ineffabile e mina, incurante, la serenità della famiglia del calciatore senza uno straccio di prova.
Chi lo desidera, può far pervenire prtotesta a redazionetg5@mediaset.it

guarda il servizio

Un altro giovane del sud dall’orgoglio restituito

Un altro giovane del sud dall’orgoglio restituito
ennesima lettera significativa di un 22enne che trova consapevolezze (e abbandona il tifo per la Juventus)

Ciao Angelo, ho 22 anni e non sono di Napoli ma della provincia di Caserta. Sono un tuo fan e ti seguo spesso… innanzi tutto complimenti per il tuo blog e per il tuo lavoro assiduo sul riscatto dell’orgoglio napoletano, sono diventato un tuo fan poichè i primi tuoi video che ho visto sono stati quelli di denuncia sullo stato dell’arredo urbano della città di Napoli, e a vedere questa bella Capitale in queste condizioni mi si spezza il cuore.
Oltre a essere un tuo fan, seguo molto anche Roberto Saviano, Rosaria Capacchione (giornalista del Mattino che seguo spesso su internet per le sue inchieste) e tutti coloro che denunciano nel limite delle loro possibilità i mali che affligono la nostra società, e per questo li ammiro tantissimo. Infatti io credo che per esempio tu e Saviano abbiate molte cose in comune: entrambi infatti avete la forza e il coraggio di denunciare, di smuovere la coscienza nelle persone, e anche se quello che scrivete sembrano cose brutte che potrebbero danneggiare ulteriormente l’immagine di Napoli, in realtà tutto ciò è necessario. Senza Saviano e senza Gomorra non arei mai immaginato cosa era in grado di fare la camorra, sdoganando il concetto che la camorra sia solo di Napoli, e senza te non avrei mai immaginato quale fosse la vera storia dell’unità d’Italia: questo tema mi ha aperto gli occhi e nel mio piccolo, grazie a te, sto cercando di portare la verità alla luce anche ai miei familiari, amici e conoscenti. Posso solo dire che tu e Saviano siete l’orgoglio della Campania, state riscattando, e NON danneggiando, l’immagine di Napoli, della Campania, del Sud Italia, siete la dimostrazione che ci sono persone che credono nel bene e nella verità!!!
Non ci tenevo a dirti solo questo: in realtà volevo farti i complimenti per i tuoi video illustrativi sulla storia risogimentale vista dal Sud: infatti mi ricordo, quando studiai al liceo a Cassino, che la mia professoressa di Storia, siciliana di Agrigento, parlando della spedizione dei Mille, ci raccontò dell’episodio del massacro di Bronte, con un aria insolitamente indignata, ma allora non ci feci caso, preferivo studiare quello che trovavo scritto sul libro di Storia per ottenere un buon voto nell’interrogazione successiva. Appunto. Invece solo ora capisco perchè era rimasta indignata la mia professoressa, e anziche basare la mia conoscenza su quello che viene scritto nei libri di Storia, grazie a internet, al tuo blog, all’ultimo libro che ho letto, “Terroni”, ho avuto proprio una “doccia fredda”: ad un tratto le mie certezze si sono trasformate in dubbi, e quella carica di romanticismo dell’impresa dei Mille si rivelò a me come un ignobile depredazione della ricchezze del Sud, cosa che ancora oggi continua dopo 150 anni di Malaunità.
Ti ringrazio per aver realizzato numerosi video illustrativi a tal scopo, hai smosso la mia coscienza e ne sono molto contento. Inoltre complimenti anche per i video della squadra del Napoli: adesso capisco come mai c’è tanta passione nei confronti del Napoli da parte dei napoletani, e diciamo che sempre grazie a te, ma non solo, piano piano mi sto “disintossicando” dal tifo juventino, ed è incredibile dopo che continuavo a tifare la juve anche se in serie B. Ora che sono venuto a conoscenza di tutto, non credo che ci siano più le condizioni morali per poter tifare una squadra del Nord.
Scusa se ti ho disturbato ma ci tenevo tanto a scriverti i miei apprezzamenti per il tuo lavoro. Ciao.

Lettera firmata