Il ‘Premio Fonseca’ e la commemorazione neogiacobina

Angelo Forgione Anche quest’anno, l’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, insieme all’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, propone per il 20 agosto la cerimonia di commemorazione dei martiri del 1799, intrecciandola alla seconda edizione del Premio Pimentel Fonseca “simbolo dei diritti umani e di libertà”, dedicato all’impegno e al coraggio delle donne che svolgono la professione di giornalista.
Anche quest’anno, dopo il confronto con l’assessore Nino Daniele dello scorso settembre, ribadisco con convinzione che è giusto ricordare gli eventi drammatici che posero fine alla Repubblica Napolitana, ma ciò andrebbe fatto ricordando anche le vittime del popolo. La “rivoluzione” partenopea non fu promossa dal popolo napoletano bensì dalle milizie francesi, che rubavano soldi e opere d’arte alla Città. I saccheggi di monete nascondevano il bisogno parigino di danaro dettato dalle mancate entrate a partire dalla grande Rivoluzione del 1789. Persino l’Ercole Farnese fu imballato e approntato per andare a Parigi, fortunatamente invano. La Fonseca sapeva, tant’è che sul giornale ‘Monitore napoletano’, da lei diretto, denunciò le ruberie degli “amici” d’oltralpe, tra cui la sottrazione di tutte le collane d’oro dispensate ai cavalieri del Toson d’Oro commessa dal comandante della piazza di Napoli Antonio Gabriele Venanzio Rey. I tesori confluivano a Livorno, da dove prendevano la strada di Marsiglia e, attraverso il Rodano, la Saona e il sistema dei canali fluviali, giungevano fino alla Senna di Parigi. Lei e tutti i repubblicani napoletani stettero a guardare.
Il terribile esercito francese, il più forte d’Europa, tra grandi resistenze, entrò a Napoli anche grazie agli amici della Fonseca, che da Castel Sant’Elmo aprirono il fuoco alle spalle degli irriducibili napoletani intenti ad assaltare il Palazzo Reale. Popolo che si riprese la città dopo neanche sei mesi di astrattezza politica e immobilismo giacobino, contando migliaia di vittime. I giacobini napoletani avevano perso la copertura dal potente esercito francese, via dall’Italia dopo gli affanni di Napoleone in Egitto.
Fu vera rivoluzione? Macché! Fu un colpo di stato. È rivoluzione un evento politico agitato dal popolo che muta radicalmente le abitudini, un processo in cui le forze sociali spingono in una direzione precedentemente inesistente e obbligano le strutture governative a rompersi per contenere la nuova forma. La vera rivoluzione fu quella dei sanfedisti, una feroce controinsurrezione popolare per porre fine al momentaneo potere aristocratico e per ripristinare lo status quo. Il perpetuarsi nel tempo della definizione di “rivoluzione” per esaltare il colpo di stato di un’agiata e colta minoranza napoletana sobillata da qualche straniero venuto da Copenaghen (nel mio prossimo libro farò i nomi e spiegherò gli intenti; ndr), è frutto di un esercizio storicistico operato da certe sfere dell’intellighenzia napoletana, ancora oggi vincolata all’ideale massonico risorgimentale.
Il popolo è sovrano, a quanto pare, e quello napoletano non si schierò coi giacobini ma col Re, nato a Napoli e napoletanissimo, quando comprese che quelli non portavano democrazia ma sottraevano ricchezze e intendevano cancellare usi e costumi locali. Dunque, ricordiamo pure le centinaia di decapitazioni tra la borghesia partenopea ma anche le dimenticate migliaia di morti tra il popolo napoletano… in nome dei diritti civili e della libertà. Finché continueremo a raccontare la storia a metà, a metà resteremo divisi, e mai costruiremo quella coscienza di popolo che manca. Se a rendersene responsabile è il Comune di Napoli, non è proprio cosa lieve.

(nell’immagine, tratto dal mio libro Made in Naples, una delle tante lettere che il generale Championnet scrisse da Napoli al ministero dell’interno del Direttorio di Parigi, pubblicata nel 1904 nei Souvenirs du général Championnet)

championnet_furti

“Contro la violenza insegnare nelle scuole i veri valori dello sport”

Tratto da ilNapoliOnline.com
Intervista a cura di Maria Villani e AdrianoPastore

ESCLUSIVA – Angelo Forgione: “Il Napoli come esempio positivo per la città. Contro la violenza insegnare nelle scuole i veri valori dello sport”

Ilnapolionline ha fatto una chiacchierata con Angelo Forgione durante la cena che ha inaugurato i tre giorni dedicati alla memoria di Ciro Esposito:

Angelo come vivi la tua passione azzurra?
Questa passione è viva anche in me anche se non la vedo come perno della mia napoletanità, piuttosto come uno dei modo di intenderla, un’estrinsecazione di orgoglio. Non credo alla filosofia del riscatto di Napoli attraverso il calcio. Trovo sbagliato e controproducente pensare alla risoluzione dei problemi della città nella vittoria di uno scudetto.

Potrebbe il calcio invece fare da trampolino di rilancio della città, essere cioè tifosi del Napoli per diventare tifosi di Napoli?
Il Napoli è un esempio, ecco perché De Laurentiis mi piace, pur riconoscendone dei difetti. In questa città c’è bisogno di persone che guardino con lungimiranza alle cose, all’impresa. Il Napoli è una realtà sportiva ma nello stesso tempo è anche una società per azioni che può interpretare il calcio come qualcosa da sfruttare in positivo per la città. Ecco perché dico che il riscatto è ben altro.

Cos’è il riscatto allora?
Innanzitutto rivedere positivamente il proprio passato, poi nel presente attivare un processo virtuoso fatto di un rapporto diverso tra napoletani, di un modo diverso di fare impresa. Il napoletano dovrebbe cominciare a fare network, a guardare oltre i miseri vantaggi immediati, e a rispettare la propria casa, che è Napoli.

Hai parlato di orgoglio, lo vedi questo orgoglio nel popolo napoletano?
Lo vedo, ma è un orgoglio di «pancia» e non di «testa».

Cioè?
È un orgoglio sentito fortemente a livello viscerale, al quale non si riesce a dare i contorni; un orgoglio «di pancia» crea solo danni quando reagisci. Quando sei profondamente consapevole che c’è una risposta da dare chi ti offende allora non rispondi più con rabbia, ma con intelligenza, con cultura in modo totalmente diverso. Questo ci eleva anche come popolo, invece il nostro orgoglio, che ci riconoscono anche all’estero, è solo potenziale, di «rabbia» e non di «intelletto» proprio perché non abbiamo una visione culturale, più elevata della nostra storia.

Quando è nata in te la consapevolezza di riscoprire l’identità culturale napoletana?
È stato tutto spontaneo, un percorso di crescita. Cammini per Napoli e vedi degrado e sfarzo insieme, lì capisci che c’è qualcosa che non va e che questo contrasto deve per forza avere una ragione ed un’origine. Ho cercato di capire il perché ci si ritrova in queste condizioni di povertà, di colonizzazione e, da autodidatta, ho capito che tutto è nato in un momento storico. Purtroppo si condannano gli effetti della Napoli moderna senza considerare le cause che vengono nascoste. Se venissero a galla, i mali di Napoli potrebbero essere curati. Forse non si vuole che accada.

Le tue idee hanno trovato seguito nella gente nel tempo?
Molta gente è curiosa, vuole punti di riferimento; la televisione non li dà, i libri di scuola neppure. Quando invece qualcuno dà nozioni, mette a confronto le fonti, usa il ragionamento e una buona dose d’intuito, dice delle cose interessanti, è credibile è ovvio che la gente segua. Non sono neanche il solo a fare questo discorso, ce ne sono tanti altri, divulgare è importante anche se la strada non è facile.

C’è speranza?
C’è e non deve morire, altrimenti non avrebbe senso. Anche se la cultura è un po’ «sotterrata». La questione meridionale è nazionale, parlo non solo di Napoli ma di tutto il Sud, anzi di tutta Italia. Stasera parliamo di calcio e purtroppo il calcio ha monopolizzato un po’ tutto.

Cosa ha calamitato il calcio?
Il calcio è stato utilizzato da sempre per monopolizzare l’attenzione dei cittadini italiani. Nel 2014 si parla di calcio in maniera esponenziale, le società di calcio campano di diritti televisivi e in tv questo sport è preponderante, mentre la cultura non passa. La gente è costretta anche suo malgrado a sorbirsi un discorso calcistico.

Secondo te quello che è successo a Ciro e che abbiamo celebrato stasera (n.d.r.) può davvero insegnare qualcosa?
Purtroppo non credo. Ho la sensazione che sia stato vissuto come «un episodio», cui seguiranno altri, una cosa «normale», e lo dico con molta tristezza. La violenza fa parte del calio da quando è stato inventato, ma non è normale affatto essere affrontati a mano armata all’esterno di uno stadio. Attenzione però, perché chi ha premuto quel grilletto non lo ha fatto per una questione calcistica, piuttosto per una questione antropologica, razziale, di odio verso i napoletani. Ho denunciato negli anni questo sostrato di razzismo strisciante.

C’è una soluzione?
Uscire dalla logica degli stadi ed insegnare ai ragazzi a scuola la tolleranza, la fratellanza, uscire dalla logica di un Nord contrapposto a un Sud con i napoletani come emblema di un degrado di cui invece essi stessi sono in parte vittime. Bisognerebbe insegnare i veri valori del calcio, insegnare che, come la vittoria, esiste anche la sconfitta, e che si impara da essa. E che vincere non vuol dire deridere l’avversario sconfitto. Il valore della vittoria, quello della sconfitta, nel calcio e in tutti gli altri  sport, è questo… insegnamento di vita”.

Pietrarsa, 1863-2013. Napoli ricorda.

150 anni fa, a Pietrarsa, la prima strage del lavoro della storia d’Italia, ben prima di quella americana che inaugurò il 1 maggio nel mondo. Chi conosce questa storia, ha “apparecchiato” da anni questa data affinché una pagina dimenticata della storia nazionale venisse fuori e le istituzioni ricordassero.
Oggi, col patrocinio del Comune di Napoli e non solo, il Museo ferroviario di Pietrarsa diventa punto di ritrovo per ricordare in forma solenne e culturale. È ora che anche i sindacati si rechino presto a ricordare quei tragici fatti in quello straordinario e simbolico luogo che è Pietrarsa in un prossimo 1 maggio italiano, affinché tutti sappiano, finalmente.
Intanto, il delegato del Sindaco di Napoli Luigi de Magistris alla Commissione Toponomastica, Andrea Balìa, ha ottenuto di recente la titolazione di una strada o una piazza, in fase d’individuazione, ai “Martiri di Pietrarsa”.

1 Maggio, commemorazione eccidio di Pietrarsa

1 Maggio, commemorazione eccidio di Pietrarsa

Napoli tra i primi e gli ultimi martiri del lavoro

1 Maggio 2012 particolarmente significativo per i napoletani. La città vantava le primissime vittime del mondo operaio d’Italia, a Portici nel 1863, e anche l’ultima, il portinaio del Corso Garibaldi che si è tolto la vita dopo che gli avevano tolto impiego e casa. Non c’era città-simbolo migliore per sensibilizzare sulla drammatica situazione del mondo del lavoro in Italia, e invece i sindacati hanno preferito Rieti laddove è in corso una competizione elettorale. Poi, in serata, il “concertone” di Roma, in tono minore, con lo strascico di polemiche per i circa 250mila euro richiesti da Alemanno. Forse sarebbe stato più giusto restare in silenzio, evitare simbolicamente la festa a Piazza San Giovanni e dare seguito alle parole di Angeletti«C’é poco da festeggiare. Siamo di fronte ad un preoccupante aumento dei disoccupati. Ma questo sarà il 1 Maggio di tutti coloro che non si rassegnano».
A Pietrarsa, laddove fino al momento dell’unificazione italiana era il più grande stabilimento meccanico d’Italia poi schiacciato dalle politiche filo-sabaude che privilegiarono la nascente Ansaldo, in quel posto in cui il 6 Agosto 1863 Bersaglieri e Guarda Nazionale spararono sugli operai che protestavano per la forte riduzione del personale e per l’aumento dell’orario di lavoro, i vertici delle organizzazioni sindacali non sono mai andati a portare un fiore al monumento che ricorda quella vergognosa strage ancora oggi coperta dal silenzio “risorgimentalista”.
A ricordare le morti di ieri e di oggi c’eravamo noi, proprio li, alle grandiose officine di Pietrarsa oggi declassate a museo ferroviario (aperto solo nei giorni feriali). Una toccante ricordo  coordinato dal Partito del Sud al quale hanno aderito anche il Comune di Napoli con la presenza dell’assessore a Lavoro e Sviluppo Marco Esposito, il Comune di Portici e diverse associazioni meridionaliste. Nel piazzale delle Officine è stata deposta una corona di fiori ai piedi dell’opera commemorativa dello scultore Bruno Galbiati, apposta dal Comune di Portici il 25 settembre 1996. Diversi gli interventi accorati conclusi con quello interessantissimo dell’assessore Esposito che ha ribadito un concetto già qui dimostrato: la palla al piede d’Italia è il Nord. Discorso preceduto da quello di chi scrive incentrato sulle vicende attuali della discarica di Terzigno, in pieno parco nazionale del Vesuvio, che non chiuderà (nel video della commemorazione di Tony Quattrone a 2:34). A chiudere la manifestazione, un emozionante minuto si silenzio.
Appuntamento al 6 Agosto quando un nuova commemorazione ricorderà il 149° anniversario dall’avvenimento. Nella speranza che un giorno non lontano i segretari nazionali delle organizzazioni sindacali si possano degnare di onorare con la loro presenza la memoria dei martiri di Pietrarsa, luogo simbolo della lotta operaia in Italia… e di ciò che l’unificazione ha significato per il Sud.

si ringrazia Tony Quattrone per il contributo video della commemorazione

Partecipazione e commozione a Gaeta

Partecipazione e commozione a Gaeta

Centinaia di persone hanno affollato l’hotel Serapo di Gaeta nello scorso week-end in occasione del XXI Convegno Nazionale della “Fedelissima città di Gaeta” che ha schiuso ottime prospettive al mondo meridionalista. Alla conferenza di Sabato arricchita dagli interventi di Lorenzo Del Boca e  Pino Aprile, con la musica identitaria di Mimmo Cavallo, ha fatto seguito la commemorazione di Domenica mattina alla Montagna Spaccata dei soldati caduti per la difesa del Regno: alzabandiera e lancio di una corona a mare da parte degli allievi della scuola militare de “La Nunziatella” alla presenza delle cariche cittadine.

si ringrazia Pupia news per i contributi video

Lorenzo Del Boca

Gennaro De Crescenzo

Pino Aprile

Sindaco Raimondi

Mimmo Cavallo

Alessandro Romano

Sevi Scafetta

La commemorazione sul Monte Orlando

A NAPOLI, CONTROCELEBRAZIONI DEI 150 ANNI D’UNITA’ D’ITALIA

Controcelebrazioni dei 150 anni d’unità d’Italia
le “tre giornate di Napoli” per urlare no a 150 anni di bugie
e per dire basta alla colonizzazione del Sud

LA VERITA’ CONTRO LA RETORICA!

clicca sull'immagine per ingrandire

Napoli non resta a guardare i retorici festeggiamenti degli avvenimenti storici che ne hanno decretato la morte.
Nella ex-capitale del Regno delle Due Sicilie, tutti i meridionalisti sono invitati a partecipare a tre importanti eventi di controcelebrazione.

Il 15 l’appuntamento é accademico e culturale: nella prestigiosa location del Maschio Angioino sarà presentato il libro-verità “Malaunità” scritto a più mani dai maggiori scrittori e archivisti del meridionalismo contemporaneo.
Presenti tutti gli autori e prestigiosi ospiti, a cominciare da Pino Aprile, Lorenzo Del Boca, Gigi Di Fiore, Lino Patruno e Eddy Napoli che presenterà i suoi due brani allegati al libro dedicati alla fine del Regno meridionale.

Il 16 sarà il giorno della memoria nei simbolici luoghi della Chiesa di San Ferdinando e di Largo di Palazzo. In chiesa ci sarà il ricordo di alcuni nomi di uomini periti per l’antica patria.
A seguire, grande raduno a cui nessun vero meridionalista può mancare; tutti con le bandiere delle Due Sicilie a lutto e ceri accesi in direzione di Largo di Palazzo dove, ai piedi della statua di Carlo di Borbone, sarà deposta una corona di fiori in onore di tutti i martiri che hanno perso la vita per il Sud.

Il 17, giorno della festa nazionale indetta per celebrare la prima seduta del parlamento di Torino del 1861, ci ritroveremo invece in Piazza dei Martiri, dove i 4 leoni (rappresentanti i caduti partenopei della della repubblica napoletana del 1799, dei moti carbonari del 1820, dei moti liberali del 1848 e di quelli garibaldini del 1860) sono “colpevolmente” orfani di un quinto leone, quello simboleggiante i soldati Napoletani morti in battaglia per difendere la patria duosiciliana.
Li i rappresentanti delle varie associazioni grideranno delle parole emblematiche della colonizzazione del Sud alle quali tutti i presenti risponderanno al grido di “malaunità”.

———————————————–

Martedi 15 Marzo
Maschio Angioino – Sala della Loggia

ore 17:00 – PRESENTAZIONE DEL LIBRO-VERITA’ SUI 150 ANNI
MALAUNITA’ – 1861-2011 Centocinquant’anni portati male

SpazioCreativo edizioni

presenti tutti gli autori:
Pino Aprile, Lorenzo Del Boca, Gigi Di Fiore, Ruggero Guarini, Lino Patruno, Eddy Napoli (brani allegati al libro)
(prefazione di Jean Noël Schifano)
Felice Abbondante, Antonio Boccia, Pompeo De Chiara, Gennaro De Crescenzo, Angelo Forgione, Vincenzo Gulì, Salvatore Lanza, Giuseppe Picciano, Alessandro Romano, Lorenzo Terzi.

———————————————–

Mercoledì 16 Marzo
Piazza e Chiesa di San Ferdinando, Largo di Palazzo

VEGLIA DELLA VERITA’ STORICA
ore 18:00 – APPELLO AI CADUTI E PREGHIERA IN SUFFRAGIO
Chiesa di San Ferdinando, Lettura simbolica dei nomi dei soldati, dei briganti e degli emigranti
ore 20:00 – CORTEO DELLA MEMORIA
Raduno meridionalista nell’area antistante il Palazzo Reale in Piazza San Ferdinando. Segue corteo con bandiera storica e cero acceso, deposizione corona di fiori in onore dei martiri del Sud in Largo di Palazzo

———————————————–

Giovedì 17
Marzo
Piazza dei Martiri

FLASH MOB – IL SUD URLA IL SUO MARTIRIO

ore 10:30 RADUNO / ore 12:00 FLASH MOB
I meridionalisti insieme al grido di “Malaunità”

———————————————–

coordinamento:
MOVIMENTO NEOBORBONICO
MOVIMENTO V.A.N.T.O.
INSIEME PER LA RINASCITA
RDS

evento su Facebook

12-13 Febbraio: a Gaeta!

12-13 Febbraio: a Gaeta!
Vi aspetto con Eddy Napoli per un “toccante” momento

Numerose le presenze segnalate a Gaeta per il prossimo Convegno Nazionale in ricordo dell’assedio del 1861. Molti amici e tantissimi rappresentanti dei più attivi movimenti meridionalisti giungeranno con auto e autobus. Saranno rappresentati i Siciliani, i Calabresi, i Pugliesi, i Lucani, gli Abruzzesi e i Molisani e, naturalmente, i Campani. Alcuni sono stati costretti a prenotare fuori sede per il “tutto esaurito.

Una partecipazione corale che infonde a questo momento storico-politico molto particolare il giusto significato e la giusta autorevolezza.
Ci ritroveremo tutti accomunati da un ideale di verità, ricordando e onorando i Simboli della nostra identità che Francesco II lasciò sotto le rovine di Gaeta e di tutto il nostro antico Stato.

Io vi aspetto li, per le strade della città a commemorare la nostra storia e a ricordare i tanti morti del nostro popolo di allora.
E vi do appuntamento all’Hotel Serapo nella giornata di Sabato quando, alle 18:00, durante una conversazione a più voci nella sala convegni con Pino Aprile, Lino Patruno e Lorenzo Del Boca, presenterò con Eddy Napoli il “toccante” videoclip della nuova canzone “Suonno ‘e libertà” dedicata dall’artista Napoletano alla memoria delle vittime dell’invasione piemontese.

E Sabato sera, tutti insieme a tifare Napoli contro la Roma… mangiando nel borgo di Gaeta con menu storici del 1860.

Ci ritroviamo a Gaeta!

Angelo Forgione

leggi il programma della due-giorni di Gaeta